Le origini della cantina Rocche Costamagna Torna alla Home
L'Azienda  : :  I Vini  : :  Arte & Cultura  : :  Camere  : :  Download

Le Langhe si trovano al centro di una zona geologica, il Bacino Terziario Piemontese, che conserva la sua forma originaria derivata da un mare antico, costituita da successioni sedimentarie risalenti a circa 35 milioni di anni fa.
Nel periodo geologico del Miocene depositi alternati di arenarie, marne e argille si sono sedimentati in un mare interno il cui fondo si abbassava progressivamente. Molto tempo dopo, alla fine del periodo denominato Pliocene, in seguito al ritiro del mare e allo riempimento totale del bacino, avvenne l’emersione delle terre che sono state poco per volta modellate dagli eventi atmosferici.
I sedimenti più fini che venivano riversati nel mare hanno originato i banchi di marne bluastre e compatte noti con il termine di “tufi”, all’interno dei quali è dato ritrovare oggi fossili marini di vario tipo.
Strati limosi più grossolani e sabbiosi testimoniano invece movimenti sottomarini che periodicamente causavano la copertura dei fondali con masse di materiali accumulati lungo la costa.
La risultante di questi movimenti è stata la formazione di un substrato marnoso-calcareo risalente all’età miocenica, in cui le percentuali in argilla, limo e sabbia risultano molto variabili a seconda della sedimentazione avvenuta nel tempo.
Nel comune di La Morra è possibile trovare terreni con una percentuale di sabbia variabile dal 20 al 40% e terreni con limo variabile dal 35 al 55%.
L’argilla, ovvero la frazione più fine, è invece abbastanza costante su valori attorno al 20-25%% in tutte le zone. Il pH dei terreni, vista l’origine geologica, è alcalino, con valori quasi sempre superiori a 8.
Il clima temperato, caratterizzato da elevata piovosità autunnale e primaverile, alternato a estati calde e a forti escursioni termiche nella fase prevendemmiale, costituisce il fattore ulteriore che conferisce al Nebbiolo caratteristiche uniche rintracciabili esclusivamente in questa zona.
A titolo di esempio nella zona di La Morra nel periodo 15/03 – 30/09 2005 sono stati registrati i seguenti dati:

Media delle T° massime 26,3 °C
Media delle T° medie 18,6 °C
Media delle T° minime 13,5 °C
Umidità media 66,5 %
Precipitazioni 380 mm

In sintesi, il terroir può essere definito come uno spazio ben delimitato, in cui le condizioni naturali, fisiche e chimiche, la situazione geografica e il clima e microclima permettono di realizzare vini con caratteristiche ben identificabili.